LEFT MARGINIMG

news topimage PAGINA

 



 Spazio 2001 in collaborazione con CeDAC
SCHERMI E SIPARI: La Grande Prosa... al Cinema Odissea

Schermi & Sipari: domenica 30 aprile alle 10.30 (matinée) al Cinema Odissea di Cagliari la proiezione del film “Mariti e Mogli” di Woody Allen - info e pronotazioni: www.cinemaodissea.it
biglietto: 4 euro
info: www.cinemaodissea.it
**************** da mymovies:
Mariti e mogli - un film di Woody Allen. Con Juliette Lewis, Mia Farrow, Woody Allen, Judy Davis, Liam Neeson, Sydney Pollack. Titolo originale Husbands and Wives. Commedia, durata 107 min. - USA 1992

Woody e Mia sono marito e moglie apparentemente senza problemi sentimentali. Una sera ricevono i loro due migliori amici Jack e Sally, coppia a prova di bomba. I due, sorridendo, annunciano che stanno per separarsi, ma va tutto bene, lo hanno deciso insieme, non ci saranno drammi, è la scelta migliore per tutti.
Ma gli "Allen" precipitano nello sconforto. In realtà la separazione è dolorosissima. Lei, Sally, litiga continuamente con l'ex marito, lo controlla e non riesce a frequentare nessuno decentemente. Lui, Jack, fa quello che fanno tutti i separati di mezza età, si trova una ragazzina.
Woody dal canto suo viene coinvolto da una sua allieva diciottenne, un vero demonietto di intelligenza e squisita perversione. "Mia" a sua volta finge di ignorare un intellettuale inglese ma, da brava gattina morta e finta acqua cheta, medita il tradimento. I rapporti si intrecciano e alla fine la coppia che si era separata si ricompone e gli "Allen" si separano.

 

 

 

 

 

 

 

Anche quest’anno il Cinema Odissea offre un’ intera stagione di film selezionati per diverse fasce d’età e per tematiche, propone approfondimenti e proiezioni guidate.

Il cinema come esperienza didattica e formativa, la visione in sala dei film come momento essenziale dell’esperienza culturale degli studenti.

A partire dalle opere cinematografiche che escono regolarmente nelle sale sarà proposto un titolo per ogni ordine e grado di scuola, anche in riferimento alle specifiche materie scolastiche, che permetta di integrare la visione con l’approfondimento didattico degli argomenti attraverso lo specifico lavoro di analisi dei linguaggi e la costruzione di percorsi intertestuali e interdisciplinari.

Su richiesta, sarà possibile prenotare anche le copie dei film in lingua originale con i sottotitoli italiani.

Il costo del biglietto per le proiezioni delle scuole è di 4,00 € per studente, gratuito per gli insegnanti che accompagnano le classi.

Gli insegnanti interessati alle matinée riservate alle scuole, possono contattarci via mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefonicamente al numero 070271709

Le proiezioni verranno realizzate presso il Cinema Odissea di Cagliari, in  viale Trieste, 84, nelle sale Kubrick (125 posti) e Truffaut (45 posti).

www.cinemaodissea.it - f.b. Cinema Odissea - twitter Cinema Odissea

Vi segnaliamo  al momento,   le prime uscite della stagione cinematografica; seguiranno tra breve i prossimi titoli per le visioni scolastiche

 

IL DIRITTO DI CONTARE (proiezioni rivolte alle scuole secondarie di I e II grado


UNA PARABOLA DI EMANCIPAZIONE FEMMINILE CHE SFOGLIA UNA PAGINA SCONOSCIUTA DELLA NASA
Tematiche affrontate: razzismo; segregazione razziale; diritto allo studio; storia americana
Negli Stati Uniti è già un caso. Dopo 10 settimane di programmazione Il diritto di contare ha incassato circa 160 milioni di dollari. Un risultato sorprendente per un film così ‘normale’, senza colpi improvvisi. Anzi spesso in assenza, che disinnesca anche le potenziali scene-madri. Alla base c’è una storia vera, quella di tre donne afroamericane (Katherine Johnson, Dorothy Vaughn e Mary Jackson) che negli Stati Uniti degli anni ’60 erano le menti geniali della NASA e hanno contribuito al successo di missioni spaziali come nel caso dell’astronauta John Glenn. Titolo originale: Hidden Figures -Regia: Theodore Melfi Interpreti: Taraj P. Henson, Octavia Spencer, Janelle Monáe, Kevin Costner, Kirsten Dunst Durata: 127′ - Origine: Usa 2016
Nella Virginia segregazionista degli anni Sessanta, la legge non permette ai neri di vivere insieme ai bianchi. Uffici, toilette, mense, sale d'attesa, bus sono rigorosamente separati. Da una parte ci sono i bianchi, dall'altra ci sono i neri. La NASA, a Langley, non fa eccezione. I neri hanno i loro bagni, relegati in un'aerea dell'edificio lontano da tutto, bevono il loro caffè, sono considerati una forza lavoro flessibile di cui disporre a piacimento e sono disprezzati più o meno sottilmente. Reclutate dalla prestigiosa istituzione, Katherine Johnson, Dorothy Vaughan e Mary Jackson sono la brillante variabile che permette alla NASA di inviare un uomo in orbita e poi sulla Luna. Matematica, supervisore (senza esserlo ufficialmente) di un team di 'calcolatrici' afroamericane
e aspirante ingegnere, si battono contro le discriminazioni (sono donne e sono nere), imponendosi poco a poco sull'arroganza di colleghi e superiori. Confinate nell'ala ovest dell'edificio, finiscono per abbattere le barriere razziali con grazia e competenza.
La qualità più grande del film di Theodore Melfi è quella di sfogliare una pagina sconosciuta della NASA. Pagina 'bianca' coniugata fino ad oggi al maschile. Se la storia, il contributo delle scienziate afroamericane alla conquista dello spazio, è una novità, la maniera di raccontarla è convenzionale ma non per questo meno appassionante.
Il diritto di contare mette in scena efficacemente il razzismo e il sessismo ordinario dei bianchi, concentrandosi sui drammi silenziosi che muovono la Storia in avanti. Suscettibile di incontrare il favore di un largo pubblico, Melfi sa bene quando spingere l'emotività dislocando lo sguardo sul romance di Katherine e James, Il diritto di contare segue la storia dell'esplorazione spaziale americana attraverso lo sguardo di tre eroine intelligenti e ostinate che hanno cambiato alla loro maniera il mondo. Hanno doppiato la 'linea del colore', inviato John Glenn in orbita e Neil Armstrong sulla Luna.

SING STREET (proiezioni rivolte alle scuole secondarie di I e di II grado) Tag: adolescenza, scuola, bullismo, famiglia, musica (Irlanda/2016) di John Carney (106') Negli anni Ottanta, il quattordicenne Conor vive con i suoi genitori a Dublino e cerca di evadere dai problemi familiari ed economici grazie alla musica. Deve inoltre adattarsi alla nuova scuola pubblica, dove è vittima di bullismo e della severità dei professori. Dopo il bell'esordio con Once e il simpatico Tutto può cambiare (dove Keira Knightley e Mark Ruffalo portavano la musica del cuore nell'East Side di New York),John Carney s'impegna una volta di più a dimostrare che il film musicale ha ancora un suo sonoro perché, e lo fa scavando nell'autobiografia. Irlanda di metà anni Ottanta, giovani fan divisi tra i Cure e gli Spandau Ballet, tra il sogno di raggiungere Londra e i patemi familiari, tra la scuola e la voglia di creare una loro band. Dal "Village Voice": "Sing Street è il film più romantico attualmente in circolazione, traboccante di musica, di divertimento e dei brividi del primo amore". (pcris)

 


IL VIAGGIO DI FANNY


Quest’anno per la Giornata della Memoria uscirà al cinema, Il viaggio di Fanny, vincitore del Giffoni Film Festival 2016.

Il film racconta la storia vera della tredicenne Fanny Ben-Ami e delle sue sorelle, lasciate dai genitori in una delle colonie francesi destinate a proteggere i minori dai rischi della guerra. Lì conoscono altri coetanei e con loro, quando i rastrellamenti nazisti si intensificano e inaspriscono, sono costrette alla fuga. Questi bambini dovranno fare appello a tutta la loro forza interiore e al loro coraggio per affrontare pericoli e peripezie nel tentativo di raggiungere il confine svizzero e salvarsi. Dovranno fare i conti con la fame, con il freddo, con l’odio dei nemici, ma incontreranno talvolta persone disposte a proteggerli anche a rischio della propria vita. Anche nelle difficoltà più ardue e nella paura riusciranno però a conservare il loro essere bambini, imparando ad essere indipendenti e scoprendo il valore della solidarietà e dell’amicizia. Perché portare al cinema i propri studenti a vedere Il viaggio di Fanny? Perché è un viaggio emozionante ispirato a una storia vera che parla di amicizia e libertà. Perché è un racconto inedito sulla persecuzione razziale durante la seconda guerra mondiale. Perché i protagonisti sono bambini e il loro sguardo consentirà ai giovani spettatori una fruizione diretta ed empatica. Perché è ricco di insegnamenti morali come il rispetto della dignità e della libertà della persona, l’importanza della solidarietà e l’aiuto reciproco. Perché raramente si vedono film sull’argomento adatti anche per la scuola primaria e secondaria di primo grado. Perché rappresenta, per questi e molti altri motivi, una rara occasione per dare anche ai più piccoli un immancabile appuntamento con la storia. Perché il cinema rappresenta un utile e valido strumento di aiuto alla didattica grazie al suo linguaggio diretto, coinvolgente ed efficace.

 

UNA VOLTA NELLA VITA (proiezioni rivolte alle scuole secondarie di I e di II grado) Tag: scuola, multiculturalità, razzismo, storia, olocausto, testimonianza… Regia: Marie-Castille Mention-Shaar – Francia 2016 Siamo al Liceo Léon Blum, Créteil, banlieue parigina: una miscela esplosiva di etnie, confessioni religiose e conflitti sociali. Nella classe peggiore della scuola la professoressa di storia, Anne Gueguen, invece di capitolare come molti altri colleghi di fronte a questi adolescenti disperati e disperanti, propone loro un progetto comune: partecipare a un concorso del Ministero dell’Istruzione sul tema del genocidio ebraico. Una missione pressoché impossibile per una classe a maggioranza musulmana, dove la Shoah lascia indifferenti quando non viene palesemente negata. Dapprima reticenti, gli allievi accettano infine la sfida. Ben presto la professoressa riesce a catturare i suoi studenti nonostante lo scetticismo dei suoi colleghi con risultati incredibili... Ispirato ad una storia vera.

 

LA STOFFA DEI SOGNI di Gianfranco Cabiddu IL FILM È LIBERAMENTE ISPIRATO A “L’ARTE DELLA COMMEDIA” DI EDUARDO DE FILIPPO E ALLA SUA TRADUZIONE DE “LA TEMPESTA” DI WILLIAM SHAKESPEARE con Sergio Rubini e Ennio Fantastichini (id., ITA.. 2016. 101', commedia) Una modesta “compagnia di teatranti” naufraga insieme a dei pericolosi camorristi sulle coste di un’isola in mezzo al mediterraneo. Non in un’isola qualunque, ma all’Asinara, un’isola-carcere in mezzo al mediterraneo. E’ il primissimo dopoguerra e per il Direttore dell’isola-carcere è impossibile distinguere i pericolosi camorristi dai teatranti. Il Direttore cova un forte odio verso il teatro perché è stato abbandonato dalla moglie attrice, e si è auto-esiliato con la figlia appena adolescente a dirigere l’isola-carcere. Il Direttore trova così l’occasione per la sua vendetta: costringere tutti i naufraghi a mettere in scena una commedia, che gli svelerà la differenza tra il vero e il falso, tra chi è attore e chi no, e riuscirà così a smascherare i camorristi/naufraghi che si confondono con gli scalcinati attori nella speranza di sfuggire alla prigione. Come in una stoffa, s’intrecciano le trame e i fili dei destini. Camorristi in fuga e attori in cerca di riconoscimento si ritrovano dopo un naufragio su un’isola-carcere e si mescolano. Sotto lo sguardo indagatore del Direttore del carcere che ha imposto ai naufraghi la messa in scena de " La tempesta" convinto di smascherare i camorristi/naufraghi; all’amore tra l’inquieta figlia del Direttore e il figlio del boss, alla figura dolorosa di Calibano unico abitante superstite di un’isola “occupata” dal carcere, per assonanze e similitudini con il testo shakespeariano, procede la vicenda umana dei personaggi, nella sottile linea che divide il vero dal verosimile nel palcoscenico della vita. Il teatro diventerà la zona franca in cui ciascuno potrà ritrovare se non il proprio ruolo sociale, la propria umanità. Qualcuno anche l’amore. SHAKESPEARE E EDUARDO DE FILIPPO SI FONDONO IN UNA COMMEDIA PICARESCA PIENA DI COLPI DI SCENA


(proiezioni rivolte alle scuole secondarie di I e II grado)
Dopo il grande successo di VADO A SCUOLA, il film in assoluto più visto dagli studenti italiani e non solo con circa 150 mila presenze, il regista francese Pascal Plisson torna a raccontarci altre quattro storie straordinarie.
In VADO A SCUOLA : IL GRANDE GIORNO, i protagonisti sono una ragazza indiana che deve superare il difficile esame d’ammissione al Politecnico, un giovane ragazzo cubano che sogna di entrare all’accademia di boxe de L’Havana, un aspirante ranger del parco nazionale ugandese ed una bambina della Mongolia che si allena per entrare alla scuola di ginnastica artistica.
Paesaggi indimenticabili fanno da contorno a queste sfide che cambieranno le vite dei giovani
protagonisti e delle loro famiglie, coinvolgendo lo spettatore sino all’ultimo minuto. Per mesi, addirittura per anni, i quattro protagonisti del film, provenienti dai più disparati angoli del mondo aspettano, si preparano e si preoccupano. Sanno che questo giorno speciale cambierà le loro vite per sempre. I nostri quattro eroi si preparano ad affrontare la prova che determinerà non solo il loro destino ma anche quello delle loro famiglie. Alla fine dopo tanto impegno, attenzione e perseveranza a scuola, sono arrivati alla consapevolezza che il sogno sta per avverarsi… Hanno fatto progressi nonostante le condizioni fossero spesso molto difficili, ma ora sono concentrati molto più di prima su un unico obiettivo, il successo.


IL SOGNO DI FRANCESCO (proiezioni rivolte alle scuole secondarie di II grado) Tags: origini della letteratura italiana, conflitti religiosi, storia medievale… Regia: Renaud Fely e Arnaud Louvet – Francia/Belgio/Italia 2016 Dopo Il Giovane Favoloso Elio Germano torna nelle sale nelle vesti di San Francesco. Il film è ambientato ad Assisi nel 1209 e ripercorre gli ultimi anni della vita del santo. Francesco ha appena subito il rifiuto da parte di Innocenzo III di approvare la prima versione della Regola, che metterebbe i fratelli al riparo dalle minacce che gravano su di essi. Intorno a lui, tra i compagni della prima ora, l’amico fraterno Elia da Cortona guida il difficile dialogo tra la confraternita e il Papato: per ottenere il riconoscimento dell’Ordine, Elia cerca di convincere Francesco della necessità di abbandonare l’intransigenza dimostrata finora, accettando di redigere una nuova Regola. Ma che cosa resterebbe del sogno di Francesco?


DOMANI (proiezioni rivolte alle scuole secondarie di I e II grado) Tag: educazione alla cittadinanza attiva, energia, architettura, economia, istruzione… regia: Cyril Dion, Mélanie Laurent - Francia – 2016 Un emozionante viaggio intorno al mondo alla ricerca degli esperimenti più riusciti nei campi dell’agricoltura, energia, architettura, economia e istruzione al fine di dimostrare che un nuovo domani è possibile. Finora nessun documentario aveva scelto di narrare questa realtà in maniera positiva e costruttiva, contribuendo a proporre soluzioni e non limitandosi, quindi, a prevedere eventi catastrofici che generano paure invalidanti. Mostrare Domani alle generazioni più giovani, è un modo utile e unico per far sapere che cambiare si può e che c’è già chi lo sta facendo… La visione di “Domani” può così inserirsi in un percorso didattico trasversale che coinvolge discipline e competenze diverse, che stimola il confronto e le relazioni interpersonali e che può essere di aiuto all’educazione alla cittadinanza attiva per la costruzione di un’etica di responsabilità a cui, soprattutto negli ultimi anni, la scuola italiana sta dedicando molta attenzione.


FUOCOAMMARE (proiezioni rivolte alle scuole secondarie di II grado) UN FILM DEFINITIVO SUL DRAMMA DEGLI SBARCHI – ORSO D’ORO AL FESTIVAL DI BERLINO 2016 Regia: Gianfranco Rosi. Doc 107 Italia/Francia 2016 Gianfranco Rosi racconta Lampedusa attraverso la storia di Samuele, un ragazzino che va a scuola, ama tirare sassi con la fionda che si è costruito e andare a caccia di uccelli. Preferisce giocare sulla terraferma anche se tutto, attorno a lui, parla di mare e di quelle migliaia di donne, uomini e bambini che quel mare, negli ultimi vent'anni, hanno cercato di attraversarlo alla ricerca di una vita degna di questo nome trovandovi spesso, troppo spesso, la morte.

FANTASCIENZA
UNA MAGIA SARACENA
Regia: Vincenzo Stango (proiezioni rivolte alle scuole secondarie di II grado)
In un’epoca non molto lontana da quella attuale, grazie al controllo delle informazioni, lo stato ha completamente digitalizzato la vita sociale controllando qualsiasi forma di creatività . Il controllo del potere è gestito da Al Digit, un potente informatico che , attraverso un sistema di procedure e regole , è riuscito a dominare la maggior parte degli uomini rendendoli tutti uguali, tutti omologati, tutti controllabili e tracciabili. In cambio di questo controllo , Al Digit, regala ai suoi fidelizzati una società che apparentemente soddisfa ogni bisogno e , soprattutto , non prevede imprevisti o errori. Un gruppo di ribelli, denominati Foolish, cerca di resistere a questo potere, alimentando attività artistiche e scientifiche con l’intento di sensibilizzare gli abitanti di Algoritmia a recuperare l’autonomia e la libertà di pensiero. Sono artisti , scienziati, matematici fisici che per restare in incognito hanno preso i nick-name dei personaggi più importanti della storia della matematica , della scienza e dell’arte. Leonardo, il capo dei ribelli, finisce in carcere dove, tra un interrogatorio e l’altro, inizia a raccontare la storia della matematica. I suoi racconti prendono forma e diventano immagine animata , fumetto ,segno grafico e danno vita a personaggi famosi come Euclide, Archimede, Pitagora, Cartesio e Fibonacci. Le loro scoperte mettono in evidenza le innumerevoli relazioni tra arte e matematica. Un viaggio multimediale dove le immagini dei numeri sono parte integrante del racconto . Una staffetta espressiva in cui
scienza e arte si passano il testimone restituendo alla matematica e al cinema quell’alto valore educativo.


PIUMA (proiezioni rivolte alle scuole secondarie di II grado) Regia di Roan Johnson Ferro e Cate, due ragazzi come tanti, ai giorni nostri. Una gravidanza inattesa e il mondo che inizia ad andare contromano: la famiglia, la scuola, gli amici, il lavoro. Tra tentennamenti e salti nel buio, prese di responsabilità e bagni di incoscienza, i due protagonisti attraverseranno i nove mesi più emozionanti e complicati della loro vita, cercando di non perdere la loro purezza e quello sguardo poetico che li rende così speciali. Un film sull’adolescenza, sul rapporto genitori-figli, sulle scelte, sulla serietà e sulla spensieratezza. Un film che invita ad una riflessione sul difficile passaggio verso l’età adulta con un linguaggio semplice, divertente e al tempo stesso profondo.


LION - LA STRADA VERSO CASA (proiezioni rivolte alle scuole secondarie di I e di II grado) Regia di Garth Davis. Con Dev Patel, Rooney Mara, Nicole Kidman A Natale arriva l’incredibile storia vera di Saroo, un bambino di Madras che a 5 anni finisce sul treno sbagliato e si perde a Calcutta. Viene ritrovato dalle autorità ma non riesce a spiegare il suo luogo di provenienza, ha soltanto in mente l’immagine della stazione dalla quale era partito. Viene quindi adottato da una coppia australiana. Molti anni dopo, ormai adolescente, decide utilizzando Google Earth, di analizzare una per una tutte le stazioni ferroviarie dell’India finché non riesce a trovare quella giusta e a ricongiungersi con la famiglia di origine in un emozionante finale.


SNOWDEN Regia di Oliver Stone Nel 2013 Edward Snowden lascia con discrezione il suo impiego alla National Security Agency e vola ad Hong Kong per incontrare i giornalisti Glenn Greenwald e Ewen MacAskill, e la regista Laura Poitras, allo scopo di rivelare i giganteschi programmi di sorveglianza informatica elaborati dal governo degli Stati Uniti. Consulente esperto di informatica, legato da un impegno di massima segretezza, Ed ha scoperto che una montagna virtuale di dati viene registrata tracciando ogni forma di comunicazione digitale, non solo relativa a governi stranieri e a potenziali gruppi di terroristi, ma anche a quella di normali cittadini americani. Disilluso rispetto al suo lavoro nel mondo dell’intelligence, Snowden raccoglie meticolosamente centinaia di migliaia di documenti segreti per dimostrare la portata della violazione dei diritti in atto. Lasciando la donna che ama, Lindsay Mills, Ed trova il coraggio di agire spinto dai principi in cui crede. Snowden racconta in modo inedito la storia di Edward Snowden, analizzando le motivazioni che hanno trasformato un giovane patriota ansioso di servire il suo Paese in uno storico delatore, e ponendo domande provocatorie riguardo a quali libertà saremmo disposti a rinunciare per consentire ai nostri governi di proteggerci.